Ricerca eventi

Cerca Reset
manifesto fdm 2019

Bari

Bari

Referente

1. Comune di Bari
Mariella Giannoccarro
Tel. 0805773846
E-mail: assessorato.culture@comune.bari.it

2. Associazione Musicale Chorus Jazz Studio Orchestra
M° Paolo Lepore
Tel. 0805773854
E-mail. baricentromusica@gmail.com

3.ASSAEROPORTI
Manuela Buonsante
Tel. 3066588723
E-mail: buonsante@assaeroporti.net

4. Ministero della Difesa – Bande FF.AA.

5. Associazione Ecomuseale del Nord Barese
Eugenio Lombardi
Tel. 3489004725
E-mail: ecomuseourbanodelnordbarese@gmail.com
21 marzo
11.00
Bari - Castello Svevo
Il MiBAC, insieme all’Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica, con il contributo della SIAE e in collaborazione con soggetti pubblici e privati, anche quest’anno promuove e patrocina la “Festa della Musica” (21 giugno 2019) insieme alla sua anteprima “Aspettando la Festa della Musica” (21 marzo 2019). Per entrambe le giornate il tema è quello della “Musica fuori centro” e delle “Musiche periferiche”.
Il Castello Svevo di Bari aderisce a tale iniziativa e diventa contenitore di eventi culturali al fine di ‘portare’ l’arte in una sede alternativa, appunto fuori centro, diversa dalle location già ampiamente note e sperimentate all’interno del territorio cittadino.
Il tema si connette alla volontà di recuperare e valorizzare elementi rappresentativi del territorio, promuovendo la conoscenza delle musiche dei tanti maestri pugliesi che ebbero un ruolo di rilievo nel panorama musicale nazionale ed internazionale (è il caso di Leonardo Leo, Nicola Fago, Niccolò Piccinni, Paisiello, Traetta, Mercadante, Giordano, Van Westerhout, ecc.).
Nella mattinata del 21 marzo 2019, alle ore 11.00, nella sala multimediale del Castello Svevo di Bari l’Associazione A.G.I.MUS. (Associazione Giovanni Padovano Iniziative Musicali), soggetto operante dal 1994 sostenuto e riconosciuto dal MiBAC attraverso il FUS (Fondo Unico Spettacolo), realizzerà un concerto dal titolo “Casa Van Westerhout. Tra gli invitati Gabriele D’Annunzio”, tratto dall’omonimo libro di Matteo Summa, incentrato sul rapporto tra Gabriele D’annunzio (Pescara, 1863 - Gardone Riviera, 1938) e il musicista e compositore Niccolò Van Westerhout (Mola di Bari, 1857 – Napoli 1898) negli anni trascorsi insieme a Napoli a fine Ottocento. Trattasi di un concerto-spettacolo, con gli accorgimenti di un vero e proprio progetto multimediale e didattico, che racconta gli anni napoletani di Niccolò Van Westerhout che rimase due anni a Napoli e frequentò Gabriele D’Annunzio nel nome di Wagner.
Interpreti saranno: Piero Rotolo (pianoforte), Flavio Maddonni (violino), Margherita Rotondi (soprano), Maurizio Pellegrini (voce narrante), Matteo Summa (storico)
La dott.ssa Filomena Di Renzo si occuperà della proiezione di quadri a tema (Onofrio Martinelli, George Frederic Watts, Giovanni Antonio Canaletto, Bartolomé Esteban Murillo, Vincent van Gogh, Carolus-Duran e William-Adolphe Bouguereau) e di documenti d’epoca, creando un vero e proprio apparato visivo che vedrà anche l’intervento di una danzatrice.
Le musiche, naturalmente, sono di Niccolò van Westerhout.

A seguire, nel pomeriggio, 12 ragazzi del Liceo Musicale "D.L.Milani" di Acquaviva delle Fonti (BA) si esibiranno nella cornice del Castello Svevo di Bari, fino alla chiusura dello stesso, “aspettando" insieme ai visitatori la festa della Musica del 21 giugno. I ragazzi coinvolti (Lea Di Ce’, Agnese Dipace, Rossella Priore, Giuseppe Ruscigno, Francesco Pio D’Alessandro, Micaela Giordano, Domenico Santantonio, Alessio Giampetruzzo, Mariangela Manicone, Massimo Albanese, Giorgia Petrera, Enrico Ro’) eseguiranno questo programma: Minuetto dalla Serenata KV 375 (W.A. Mozart), Andante cantabile, op 11 (P.Y. Tchaikowsky), danza Hungara n.5 (J. Brahms), Marcia Funebre per una marionetta (C. Gounod), Boogie Woogie Buble Boy (D. Raye/H. Prince).

L’ingresso al concerto, che non comprende la visita al castello, è gratuito fino ad esaurimento posti ma solo su prenotazione entro le ore 13.00 del giorno 20 marzo 2019 scrivendo al seguente indirizzo mail (specificando i nominativi): pm-pug.castellosvevo@beniculturali.it


Programma

Bari, Castello Svevo - 21 marzo 2019
“Aspettando la festa della musica”

CASA VAN WESTERHOUT
TRA GLI INVITATI GABRIELE D’ANNUNZIO
POESIA MUSICA PITTURA DANZA
a cura di Matteo Summa
in collaborazione con A.G.I.MUS. (Associazione Giovanni Padovano Iniziative Musicali),

Interpreti: Piero Rotolo (pianoforte), Margherita Rotondi (soprano), Flavio Maddonni (violino), Maurizio Pellegrini (attore), Laura Bovino (danzatrice).
Scelta dei dipinti: Filomena Di Renzo
Regia: Matteo Summa e Maurizio Pellegrini
Testi: Gabriele d’Annunzio, Arturo Colautti, William Shakespeare
Musiche: Niccolò van Westerhout

Proiezione di alcuni dipinti di
Onofrio Martinelli, George Frederic Watts, Bartolomé Esteban Murillo, Giovanni Boldini, Vincent van Gogh, Carolus-Duran, William-Adolphe Bouguereau, Claude Monet, Giuseppe De Nittis

Gli anni napoletani di Niccolò Van Westerhout, il compositore molese di origini fiamminghe che nella città dei Borbone rimase due anni e frequentò Gabriele D’Annunzio nel nome di Wagner. Li racconta uno spettacolo bipartito che presenta un primo movimento (Anteprima) sul rapporto del musicista con la città della formazione artistica e degli incontri culturali con Antonio Tari (professore di estetica all’università), Nicola d’Arienzo (compositore e docente al conservatorio), Arturo Colautti (librettista e noto giornalista) e, per l’appunto, Gabriele d’Annunzio, mentre con il
secondo movimento (Concerto) si entra nel vivo con l’alternanza di poesie, momenti narrativi e interventi musicali. Dunque, uno spettacolo ispirato all’omonimo libro di Matteo Summa (Casa Van Westerhout. Tra gli invitati Gabriele d’Annunzio) con gli accorgimenti di un vero e proprio progetto multimediale. «Chi lo avrebbe mai pensato. Nella Napoli di fine Ottocento un musicista di lontane origini fiamminghe, ma proveniente dalla Puglia, s’impone nella capitale partenopea per la sua determinazione a percorrere sia i sentieri della tradizione, e quindi del teatro e delle forme classiche, sia la via che la nuova musica d’oltralpe imponeva. Niccolò van Westerhout intraprende entrambe le strade. Da pianista si appropria del bagaglio tecnico di Thalberg e Cesi, i cui nomi erano impressi nella Napoli del tempo, ma anche di Chopin, Liszt e Brahms, orientandosi con febbrile entusiasmo verso il dramma musicale di Wagner. Ed è qui che accade qualcosa. Gabriele d’Annunzio parte per Napoli a fine agosto 1891 e vi rimane sino a dicembre 1893, immettendo nuova vitalità nei salotti letterari. Al giovane autore del romanzo Il piacere e di autorevoli contributi sul giornale napoletano Il Mattino si guarda con sospetto e ammirazione: sospetto per i suoi mascheramenti e le sue tresche; ammirazione per l’innata abilità narrativa, in grado di meravigliare un po’ tutti, dal borghese di turno alla raffinata scrittrice Matilde Serao. Napoli vive degli entusiasmi dei suoi uomini di cultura. Qui operano Edoardo Scarfoglio, Giulio Scalinger, Salvatore di Giacomo, Arturo Colautti. Quale migliore luogo d’incontro se non il salotto o la propria abitazione? In Casa van Westerhout si costruisce l’amicizia tra il musicista e Gabriele d’Annunzio. Un’amicizia nel nome di Wagner. Quel Wagner che, anche dopo la morte, dava vita a legittime aspettative, ma anche a ingenerose polemiche» (dalla Prefazione del libro di Matteo Summa Casa Van Westerhout. Tra gli invitati Gabriele d’Annunzio, Locorotondo Editore 2016).

Programma:
Niccolò van Westerhout, Insonnio n. 3 (pianoforte)
Niccolò van Westerhout, Romanza appassionata (violino e pianoforte)
Gabriele d’Annunzio, O falce di luna calante
Niccolò van Westerhout, Insonnio n.2 (pianoforte)
Niccolò van Westerhout, Insonnio n. 11 (pianoforte)
Niccolò van Westerhout, Insonnio n. 1 (pianoforte)
Niccolò van Westerhout, Doña Flor, Preludio - (pianoforte)
Scena I dalla Doña Flor su libretto di Colautti (soprano e pianoforte)
Gabriele d’Annunzio, O giovinezza
Niccolò van Westerhout, Romanza patetica (violino e pianoforte)
Gabriele d’Annunzio, La sabbia del tempo
Niccolò van Westerhout, Adagio (violino e pianoforte)
Niccolò van Westerhout, Insonnio n. 6 (pianoforte)
21 Giugno
18.00
Auditorium Cittadella della Cultura, via Pietro Oreste n. 45, Bari
Il 21 giugno 2019, alle ore 18.00, in occasione della Festa della Musica, presso il l’Auditorium dell’Archivio di Stato di Bari si svolgerà il concerto "La scatola dei giocattoli" musiche scritte per bambini e ragazzi e da loro eseguite.
Il programma vedrà nella prima parte l’esecuzione dell’opera La scatola dei giocattoli, per piccoli e grandi esecutori, liberamente tradotta, trascritta e adattata, dalla compositrice barese Angela Montemurro, dall’originale La boite à Joujoux di Claude Debussy.
La rappresentazione, diretta dal Maestro Francesco Lentini, sarà interpretata da più di quaranta piccoli allievi, impegnati in veste di attori, coristi, flautisti, clarinettisti, percussionisti, pianisti, chitarristi, e dai loro docenti: i pianisti Angela Montemurro e Giuseppe de Martino, che suoneranno in duo a quattro mani, la flautista Serena Salerno, il clarinettista Domenico Morea, il percussionista Michele Caroli, il chitarrista Franco Pantaleo. Maestra del piccolo Coro Viviana Viggiano.
Nella seconda parte della manifestazione, grazie alla collaborazione della dirigente Giusy Morano, i protagonisti saranno gli allievi della Scuola Secondaria di Primo Grado De Amicis Dizonno di Triggiano, che, diretti dal loro Maestro Aldo Bucci, si esibiranno con la loro fanfara in esecuzioni… a suon di jazz.
Chiuderà la manifestazione il giovane e talentuoso pianista Vincenzo Francesco de Angelis, allievo del Conservatorio Piccinni, che eseguirà musiche di Rota e Debussy.
21 giugno 2019
20,30
Molo del porto di Palese, lungomare
Serata al porto di Palese all'insegna della musica e degli astri. Questo il programma:
- Arianna Campione mostrerà con il suo telescopio la luna e alcuni pianeti;
- saranno dette alcune poesie di Francesco Baldassarre ed Eugenio Lombardi;
- il gruppo "Caora Dhubh", composto da Davide Viterbo, Giuseppe Porsia, Marida Sannito e Salvatore Rivieccio, eseguirà musiche irlandesi.
21 giugno 2019
9.00-9.30-10.00-10.30-11.00-11.30-12.00-12.30
Corso Cavour 12, 70121 Bari
Visita il Teatro Petruzzelli, ascolta la sua storia e i tanti aneddoti da una guida esperta. Scopri uno dei luoghi più simbolici della città di Bari.
La visita, del foyer e della platea del Teatro, ha una durata di circa 30 minuti ed è ad ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti.
21 giugno 2019
Intera giornata
Viale Enzo Ferrari, 70128 Bari BA
Esibizione artisti Pugliesi, Area Imbarchi, intera giornata
L’Aeroporto internazionale di Bari, gestito dalla società Aeroporti di Puglia, proporrà per l’intera giornata esibizioni musicali di artisti pugliesi secondo una programmazione in corso di definizione. Sempre nell’aerea imbarchi dell’aerostazione sarà a disposizioni di tutti i passeggeri che vi transiteranno un pianoforte a coda.
manifesto fdm 2019
Area Riservata
Dall'edizione 2016 il Mibac ha deciso di dare un forte segnale per la promozione di una delle Feste più affascinanti che la cultura possa offrire. La Festa della Musica. Una festa che, come avviene in altre parti d'Europa, coinvolga in maniera organica tutta l’Italia trasmettendo quel messaggio di cultura, partecipazione, integrazione, armonia e universalità che solo la musica riesce a dare. Un grande evento che porti la musica in ogni luogo. Ogni tipo di musica. Ogni tipo di luogo. ...
SIAE è una Società di gestione collettiva del diritto d'autore, cioè un ente costituito da associati che si occupa dell'intermediazione dei diritti d'autore in tutti i settori della cultura. La Società Italiana degli Autori ed Editori non ha scopo di lucro ed è da sempre “dalla parte di chi crea” attraverso il sostegno a numerosi progetti dedicati alla creatività e al talento, e alle attività sociali e di solidarietà.Oggi la Società Italiana degli Autori ed Editori è al sesto posto della ...
La vocazione musicale è propria di tutti i popoli e di tutte le culture. L’Italia, più di ogni altro Paese, ha espresso la capacità di rappresentarsi attraverso l’espressione spettacolare, come tradizione e come ribellione, come conservazione e come novità. Questo carattere profondamente ludico e drammatico la caratterizza e la vitalizza, rendendola unica e riconoscibile. Inoltre il suo aspetto sempre più multietnico, le permette di accogliere suggestioni transnazionali che rifiutano confini ...

Promosso da

logoMIBAC

Ministero
per i Beni e le
Attività Culturali

Via del Collegio Romano, 27
00186 - Roma
urp@beniculturali.it
www.beniculturali.it
siae

Società Italiana
degli Autori
ed Editori

Tel. 06.599.05.100
Autori ed Editori
Tel. 06.599.052.00
Utilizzatori
Fax 06.596.470.50 .52
www.siae.it
aipfm
Via San Calepodio, 5/a
00152 - Roma
Tel. 06.580.38.25
Fax 06.622.78.726
festadellamusica@aipfm.it
Seguici su Facebook
Seguici anche su Twitter

Commissione europea

Rappresentanza in Italia

Via Quattro Novembre, 149
00187 - Roma
Tel. +39 06 699991

Con il contributo di:

Logo Afi

Main media partners

Rai

Media partners

Rai Radio 3
Grandi Stazioni Retail
telesia
Trenitalia

Partners istituzionali

esteri
giustizia
salute
istruzione
difesa
conferenza regioni
unpli
anci
ENDAS - Comitato Provinciale Imperia

Con il patrocinio di:

ang

Partners

feniarco
cafim
assaeroporti
enac
mei
dm nusic
calabriasona
Fimi
PMI
audiocoop
agimus
Ambasciata di Francia in Italia
i live music
rock
prog
vinile
sistema
Federalberghi
arci
loreal
assonat
confronti
A1
impala
legamon graphic design
lavanda
logo3bSalva

Info

Contatti
Informazioni
Comunicati stampa
Rassegna stampa
Annual Reports
Privacy Policy

La Festa

Spirito della Festa
Come partecipare
I Manifesti
Istruzioni per l'uso
La Comunicazione
SIAE
FAQ Organizzatori
FAQ Artisti
Gallery