Ricerca eventi

Cerca Reset
manifesto fdm 2019

Sedriano

Sedriano

Referenti

Associazione Per MITO Onlus
Margherita del Favero
Tel. 02.88454201
Email: segreteria@xmito.it
23 giugno
ore 18.00
Sedriano
Domenica 23 giugno 2019 - ore 18:00

Villa Pezzoli Canevari Gherzi
Via De Amicis 19-21 Sedriano- Milano

BEETHOVEN.CAM
Le grandi sinfonie per piccolo organico

Ludwig van Beethoven (1770-1827) - Johann Nepomuk Hummel (1778-1837)

Sinfonia n. 1 in do maggiore op. 21

Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36

Ensemble Beethoven.cam
Silvia Tuja flauto
Laura Riccardi violino
Elisabetta Soresina violoncello
Chiara Nicora pianoforte

L'ensemble beethoven.cam nasce intorno al progetto di esecuzione integrale delle Sinfonie di Beethoven nelle trascrizioni per flauto, violino, violoncello e pianoforte di Johann Nepomuk Hummel, a cura dell’Accademia Orchestrale del Lario. Nello spirito che caratterizzava le esecuzioni di musica da camera dell'epoca, quattro musiciste con un ricco curriculum personale e legate da un interesse comune per la ricerca in ambito musicale e per lo studio delle prassi esecutive secondo principi filologici, condividendo le loro numerose precedenti esperienze di collaborazione in formazioni cameristiche anche con strumenti antichi, nel 2015 hanno deciso di intraprendere questo percorso che riporta la musica sinfonica nella amata dimensione della Hausmusik ottocentesca.
Il concerto d'apertura del progetto si è tenuto nel 2016 al Teatro Comunale San Teodoro di Cantù nel quadro del Festival “Il Maggio della Grande Musica”; successivamente l’ensemble si è esibito al Teatro Sociale di Como, alla Casa Museo Lodovico Pogliaghi al Sacro Monte di Varese, alla Badia di Ganna, a Villa Caldogno (Vicenza) al Festival di Mantova 2017, a Villa Bozzolo (FAI Varese) e a Cantù al Teatro San Teodoro dove ha eseguito tutte le sinfonie. Nota al programma
Sin dalla loro composizione le Sinfonie di Beethoven hanno rappresentato qualcosa di eccezionale; probabilmente nessun repertorio orchestrale ha influito tanto sulla storia della musica.
La monumentalità di queste composizioni ha modificato per sempre le prospettive del genere sinfonico, e tutti i compositori di sinfonie dopo Beethoven non hanno potuto fare a meno di confrontarsi con lui, di sentire il peso della sua figura e della sua opera.
Nel corso di tutto il XIX secolo, a fronte della progressiva riconosciuta grandezza delle sinfonie beethoveniane, non esistevano le condizioni per poter assistere frequentemente alla loro esecuzione nella forma originale: le difficoltà di avere a disposizione una intera orchestra – e per di più delle dimensioni di quella beethoveniana – e naturalmente la mancanza di mezzi di riproduzione “tecnologica” favorirono la pratica delle trascrizioni e degli arrangiamenti per organici cameristici, con i quali fosse possibile riproporre questo repertorio anche in ambiti domestici, nel quadro di quella che veniva allora definita “Hausmusik”, e non in semplici riduzioni, ma spesso in vere e proprie “ri-creazioni”, che rendono ancora oggi possibile la fruizione dell'opera in una prospettiva diversa.
Fra le numerose trascrizioni pervenuteci, particolarmente interessante risulta essere il lavoro realizzato da Hummel, che ha trascritto l'intero corpus delle sinfonie di Beethoven per quartetto con flauto. Hummel, nato a Presburgo (attuale Bratislava) in Slovacchia il 14 novembre 1778, si trasferì a Vienna con la famiglia nel 1786, quando il padre divenne Kapellmeister al Theater auf der Wieden di Emanuel Schikaneder. Per oltre due anni, su richiesta del padre Johannes, Hummel ricevette lezioni gratuitamente da Mozart, che lo ospitò anche nella sua casa e ne riconobbe il grande talento, facendolo debuttare come pianista in concerto sotto la sua direzione nel 1787.
Hummel intraprese quindi con il padre una serie di viaggi che, tra il 1788 al 1792, lo condussero ad esibirsi come virtuoso al pianoforte a Berlino, Hannover, Amburgo, in Danimarca e in Inghilterra; a Londra fece fra l'altro la preziosa conoscenza di Haydn. Al suo ritorno a Vienna ricevette lezioni di composizione da Johann Georg Albrechtsberger e Antonio Salieri. Proprio in questi anni, e precisamente nel 1792, giunse a Vienna Beethoven, che a sua volta fu allievo di Albrechtsberger, Salieri e Haydn. Non ci sono testimonianze certe su quando avvenne il primo incontro fra Hummel e Beethoven, anche se è probabile che la loro reciproca conoscenza risalga già a questi anni, ma sono certamente documentate le occasioni in cui, fra il 1799 e il 1800, i due musicisti partecipavano insieme ad esecuzioni di musica da camera con figure quali Zmeskall, Schuppanzigh e Mayseder a casa di Emanuel Aloys Förster. Ferdinand Hiller – allievo di Hummel – riferisce di una conversazione nella quale Hummel confessò come per lui l'arrivo di Beethoven a Vienna avesse rappresentato un momento critico: “Avrei forse dovuto tentare di seguire le orme di un tale genio? Per un momento non seppi cosa fare, ma poi mi dissi: la cosa migliore è restare fedele a te stesso e alla tua natura.“


manifesto fdm 2019
Area Riservata
Dall'edizione 2016 il Mibac ha deciso di dare un forte segnale per la promozione di una delle Feste più affascinanti che la cultura possa offrire. La Festa della Musica. Una festa che, come avviene in altre parti d'Europa, coinvolga in maniera organica tutta l’Italia trasmettendo quel messaggio di cultura, partecipazione, integrazione, armonia e universalità che solo la musica riesce a dare. Un grande evento che porti la musica in ogni luogo. Ogni tipo di musica. Ogni tipo di luogo. ...
SIAE è una Società di gestione collettiva del diritto d'autore, cioè un ente costituito da associati che si occupa dell'intermediazione dei diritti d'autore in tutti i settori della cultura. La Società Italiana degli Autori ed Editori non ha scopo di lucro ed è da sempre “dalla parte di chi crea” attraverso il sostegno a numerosi progetti dedicati alla creatività e al talento, e alle attività sociali e di solidarietà.Oggi la Società Italiana degli Autori ed Editori è al sesto posto della ...
La vocazione musicale è propria di tutti i popoli e di tutte le culture. L’Italia, più di ogni altro Paese, ha espresso la capacità di rappresentarsi attraverso l’espressione spettacolare, come tradizione e come ribellione, come conservazione e come novità. Questo carattere profondamente ludico e drammatico la caratterizza e la vitalizza, rendendola unica e riconoscibile. Inoltre il suo aspetto sempre più multietnico, le permette di accogliere suggestioni transnazionali che rifiutano confini ...

Promosso da

logoMIBAC

Ministero
per i Beni e le
Attività Culturali

Via del Collegio Romano, 27
00186 - Roma
urp@beniculturali.it
www.beniculturali.it
siae

Società Italiana
degli Autori
ed Editori

Tel. 06.599.05.100
Autori ed Editori
Tel. 06.599.052.00
Utilizzatori
Fax 06.596.470.50 .52
www.siae.it
aipfm
Via San Calepodio, 5/a
00152 - Roma
Tel. 06.580.38.25
Fax 06.622.78.726
festadellamusica@aipfm.it
Seguici su Facebook
Seguici anche su Twitter

Commissione europea

Rappresentanza in Italia

Via Quattro Novembre, 149
00187 - Roma
Tel. +39 06 699991

Con il contributo di:

Logo Afi

Main media partners

Rai

Media partners

Rai Radio 3
Grandi Stazioni Retail
telesia
Trenitalia

Partners istituzionali

esteri
giustizia
salute
istruzione
difesa
conferenza regioni
unpli
anci
ENDAS - Comitato Provinciale Imperia

Con il patrocinio di:

ang

Partners

feniarco
cafim
assaeroporti
enac
mei
dm nusic
calabriasona
Fimi
PMI
audiocoop
agimus
Ambasciata di Francia in Italia
i live music
rock
prog
vinile
sistema
Federalberghi
arci
loreal
assonat
confronti
A1
impala
legamon graphic design
lavanda
logo3bSalva

Info

Contatti
Informazioni
Comunicati stampa
Rassegna stampa
Annual Reports
Privacy Policy

La Festa

Spirito della Festa
Come partecipare
I Manifesti
Istruzioni per l'uso
La Comunicazione
SIAE
FAQ Organizzatori
FAQ Artisti
Gallery